Accesso civico2020-06-26T09:22:57+00:00
DISPOSIZIONI GENERALI
ORGANIZZAZIONE
CONSULENTI E COLLABORATORI
PERSONALE
SELEZIONE DEL PERSONALE
PERFORMANCE
ENTI CONTROLLATI
ATTIVITÀ E PROCEDIMENTI
BANDI DI GARA E CONTRATTI
SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI, VANTAGGI ECONOMICI
BILANCI
BENI IMMOBILI E GESTIONE PATRIMONIO
CONTROLLI E RILIEVI SULL’AMMINISTRAZIONE
SERVIZI EROGATI
PAGAMENTI
OPERE PUBBLICHE
INFORMAZIONI AMBIENTALI
ALTRI CONTENUTI

ALTRI CONTENUTI:

Accesso civico

Ultimo aggiornamento 26.06.2020 | Pagina creata 12.09.2018

Riferimento normativo: Art. 5, c. 1, d.lgs. n. 33/2013 / Art. 2, c. 9-bis, l. 241/90

Regolamento Accessi Integrato v.2020:

scarica il file aperto (approvato dalla Delibera il 14.02.2020 – caricato il 17.02.2020)

Riferimenti normativi: L.  7 agosto 1990, n. 241 e ss.mm.ii segnatamente artt. 22 e ss, nonché D.P.R n.184 del 2006

Cos’è l’ accesso ai documenti amministrativi:Al fine di assicurare la trasparenza e l’imparzialità dell’attività amministrativa, l’accesso ai documenti amministrativi è riconosciuto, previa presentazione di richiesta motivata, a tutti i soggetti privati, compresi quelli portatori di interessi pubblici o diffusi, che abbiano un interesse diretto, concreto e attuale, corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata ai documenti in riferimento ai quali è chiesto l’accesso.

Il diritto di accesso si esercita con riferimento ai documenti amministrativi materialmente esistenti e detenuti dalla Fondazione F.U.L.G.I.S..

Per documento amministrativo si intende ogni rappresentazione grafica, fotocinematografica, elettromagnetica o di qualunque altra specie del contenuto di atti, anche interni o non relativi ad uno specifico procedimento, formati dalla Fondazione o comunque utilizzati ai fini dell’attività amministrativa, indipendentemente dalla natura pubblicistica o privatistica dei medesimi.

Le informazioni in possesso della Fondazione che non abbiano forma di documento amministrativo non sono accessibili, salvo quanto previsto dal Regolameno (UE) 2016/679 e  dal D.lgs. n. 196 del 2003 e ss.mm.ii. in materia di accesso ai dati personali da parte della persona cui i dati si riferiscono.

Come esercitare il diritto di accesso ai documenti amministrativi:l’istanza va presentata al Direttore della Fondazione dr.ssa Susanna Fadda tramite:

– posta elettronica all’indirizzo: fadda@genoaschool.eu

– PEC : fulgis@legalmail.it

– posta ordinaria indirizzata a: Direttore – Fondazione F.U.L.G.I.S., Via Bertani 6, 16125 Genova, GE.

Acceso Informale:  è consentito un accesso informale, anche mediante richiesta verbale rivolta al Direttore qualora non risultino dubbi sulla legittimazione del richiedente, sulla sui identità, sui suoi poteri rappresentativi, sulla sussistenza dell’interesse e qualora il documento sia immediatamente disponibile.

Accesso Formale – Procedimento: qualora non sia possibile l’accoglimento immediato della richiesta in via informale, l’interessato è invitato a presentare richiesta d’accesso formale al Direttore della Fondazione F.U.L.G.I.S.

È pubblicato sul sito web della Fondazione e a disposizione il modulo che può essere utilizzato, facoltativamente, per l’invio della richiesta di accesso; il suo mancato utilizzo non è motivo di diniego dell’istanza qualora la richiesta pervenuta contenga comunque le informazioni necessarie per il riscontro.

IL Direttore destinatario dell’istanza e referente per il procedimento è obbligato a darne comunicazione a eventuali contro interessati, i quali possono presentare – entro 10 giorni – motivata opposizione all’istanza di accesso.

Il procedimento deve concludersi  nel termine di 30 giorni decorrenti dalla presentazione della richiesta.Ove la richiesta sia irregolare o incompleta, la Fondazione entro 10 giorni, provvede a darne tempestiva comunicazione. Il termine del provvedimento ricomincia a decorrere dalla presentazione della richiesta perfezionata.

L’eventuale rifiuto, differimento o limitazione dell’accesso deve essere motivato con riferimento ai soli casi e limiti di legge. Ai sensi dell’art. 25, comma 4, della L. 241/90 e ss.mm.ii., trascorsi inutilmente 30 giorni dalla data di ricevimento della richiesta di accesso, questa si intende comunque rifiutata.

È possibile, entro 30 giorni dalla conoscenza della decisione, il ricorso al TAR, ai sensi dell’art. 116 del Codice del Processo Amministrativo di cui al D,lgs. n.104/2010 e ss.mm.ii.

Per i dettagli si rinvia al Regolamento Accessi.

Riferimenti normativi:art. 5, comma 1, del D.lgs. 33/2013, modificatodall’art. 6 del D.lgs. 97/2016.

Cos’è l’accesso civico semplice: riconosce a chiunque il diritto di richiedere documenti, informazioni o dati per i quali è prevista la pubblicazione obbligatoria, nei casi in cui gli stessi non siano stati pubblicati nella sezione “Amministrazione Trasparente” del sito web istituzionale.

Come esercitare il diritto di accesso civico semplice: l’istanza va presentata alla personaResponsabile per la prevenzione della corruzione e la trasparenza (RPCT),avv. Federica Longo, tramite:

  • posta elettronica all’indirizzo: rpct@genoaschool.eu
  • PEC istituzionale della RPCT: rpctfulgis@legalmail.it
  • posta ordinaria indirizzata a: Fondazione F.U.L.G.I.S., Via Bertani 6, 16125 Genova, GE.

È pubblicato sul sito web della Fondazione e a disposizione il modulo che può essere utilizzato, facoltativamente, per l’invio della richiesta di accesso; il suo mancato utilizzo non è motivo di diniego dell’istanza qualora la richiesta pervenuta contenga comunque le informazioni necessarie per il riscontro.

Procedimento:Il RPCT è tenuto a concludere il procedimento di accesso civico con provvedimento espresso e motivato nel termine di trenta giorni.

Sussistendone i presupposti, il RPCT avrà cura di pubblicare sul sito i dati, le informazioni o i documenti richiesti e a comunicare al richiedente l’avvenuta pubblicazione dello stesso, indicandogli il relativo collegamento ipertestuale.

Nonostante la norma non menzioni più il possibile ricorso al titolare del potere sostitutivo, da una lettura sistematica delle norme, l’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) ritiene possa applicarsi l’istituto generale previsto dall’art. 2, comma 9-bis, della l. 241/1990.

In caso di ritardo, o di mancata risposta, o di diniego alla richiesta di accesso civico semplice da parte del RPCT, il richiedente può ricorrere al titolare del potere sostitutivo,Direttrice dr.ssa Susanna Fadda, mail:  fadda@genoaschool.eu, che conclude il procedimento di accesso civico, come sopra specificato, entro i termini di cui all’art. 2, comma 9-ter, della l. 241/1990.

L’istanza di riesame potrà essere inviata al titolare del potere sostitutivo (Direttrice) tramite:

– posta elettronica o pec istituzionale, ai seguenti indirizzi:fadda@genoaschool.eu

– posta ordinaria indirizzata a: Direttore F.U.L.G.I.S., Via Bertani n.6 – 16125 Genova

– fax al n: 010/8391360

È pubblicato sul sito web della Fondazione e a disposizione il modulo che può essere utilizzato, facoltativamente, per l’invio della richiesta di accesso al titolare del potere sostitutivo; il suo mancato utilizzo non è motivo di diniego dell’istanza qualora la richiesta pervenuta contenga comunque le informazioni necessarie per il riscontro.

In caso di inerziao di diniego alla richiesta di accesso civico sempliceda parte del RPCT o del titolare del potere sostitutivo, il richiedente, ai fini della tutela del proprio diritto, può proporre ricorso al Tribunale amministrativo regionale, ai sensi dell’art. 116 del decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 104.

Per i dettagli si rinvia al Regolamento Accessi.

Riferimenti normativi:art. 5, comma 2, del D.lgs. 33/2013, modificato dall’art. 6 del d.lgs. 97/2016.

Cos’è l’accesso civico “generalizzato”: è il diritto di chiunque di accedere ai documenti, detenuti da FondazioneF.U.L.G.I.S.-Genoaschool, non obbligatoriamente da pubblicare ai sensi del D.lgs. 33/2013, ma che devono essere disponibili su richiesta di utenti, nel rispetto dei limiti relativi alla tutela di interessi giuridicamente rilevanti secondo quanto previsto dall’articolo 5-bis del D.lgs 33/2013 (accesso civico “generalizzato”).

Come esercitare il diritto di accesso civico “generalizzato”: la richiesta di accesso generalizzato, in FondazioneF.U.L.G.I.S.-Genoaschool:

  • è riconosciuta a chiunque;
  • comporta la necessità di identificare i dati, le informazioni e/o i documenti richiesti, ma non ne richiede la motivazione;
  • è gratuita;
  • può essere trasmessa per:

-posta elettronica all’indirizzo  fulgis@genoaschool.eu

– PEC istituzionale: fulgis@legalmail.it

– posta ordinaria indirizzata a:Fondazione F.U.L.G.I.S., Via Bertani 6, 16125 Genova, GE.

È pubblicato sul sito web della Fondazione e a disposizione il modulo che può essere utilizzato, facoltativamente, per l’invio della richiesta di accesso; il suo mancato utilizzo non è motivo di diniego dell’istanza qualora la richiesta pervenuta contenga comunque le informazioni necessarie per il riscontro.

Procedimento:l’ufficio destinatario dell’istanza e referente per l’accesso civico generalizzato, l’UfficioTrasparenza, mail:fulgis@genoaschool.eu, è obbligato a darne comunicazione a eventuali contro interessati, i quali possono presentare motivata opposizione all’istanza di accesso medesima e ricorrere, in caso di accoglimento della stessa nonostante la loro opposizione, al giudice amministrativo.

Il procedimento, salvi i casi di sospensione previsti dalla legge, deve concludersi con provvedimento espresso e motivato nel termine di 30 giorni.

In caso di accoglimento, FondazioneF.U.L.G.I.S.-Genoaschoolprovvede a trasmettere tempestivamente al richiedente i dati o i documenti richiesti.

L’eventuale rifiuto, differimento o limitazione dell’accesso deve essere motivato con riferimento ai soli casi e limiti di legge.

In caso di diniego totale o parziale dell’accesso o di mancata risposta nei termini di legge, il richiedente può presentare richiesta di riesame al RPCT, che decide con provvedimento motivato, entro il termine di 20 giorni. Qualora il diniego afferisca alla protezione dei dati personali, il RPCT può chiedere un parere formale al Garante della protezione dei dati personali, il quale si pronuncia nel termine di 10 giorni dalla richiesta

È possibile, in ogni caso, il ricorso al TAR, ai sensi dell’art. 116 del Codice del Processo Amministrativo.

Per i dettagli si rinvia al Regolamento Accessi.

Riferimento normativo: Linee guida Anac FOIA (del. 1309/2016)

Registro degli Accessiscarica il file aperto (aggiornato al 31.01.2020 – caricato il 17.02.2020)